Benvenuto.

 

In breve la mia storia d'artista Paolo Ziliotto Originario di Crespano del Grappa, Paolo Ziliotto socpre la sua vocazione artistica all'età di tredici anni quando, attratto dal mondo dei colori, comincia a giocarci mescolandoli e amalgamandoli in modo sempre nuovo.

Da allora sono pochi i momenti in cui abbandona questa passione, dilettandosi nei primi anni con opere figurative: prati, foglie, vecchie case diroccate.

Solo in un secondo momento, grazie ad esperinze all'estero (Francia, Austria, Germania) e a contatti con artisti,fotografi, si avvicina a due discipline diverse, all'arte astratta che per lui è una vera e propria rivelazione.

Fotografia la sessa identica cosa, macchina fotografica in mano, il peso dell'oggetto, il momento del inquadratura, è dello scatto, da anni conserva e crea scatti fotografici.

Ritorniamo all'arte, le sue opere diventano un turbinio di segni, delle esplosioni di colori e forme che raccontano il mondo interiore dell'artista.

Il colore, protagonista indiscusso di tutta la sua produzione, si fonde, si scompone e si mescola a oggetti che entrano a far parte delle tele: scarpe, abiti,chitarre, dischi, dialogano tra di loro e con il resto dell'opera.

i segni apparentemente disordinati sono ricomposti in opere equilibrate e armoniche, i volti vengono raccontati con colori antinaturalistici, oggetti della realtà vengono ricostruiti in legno e attaccati a sfondi monocromi per creare composizioni di grande eleganza e originalità.

Paolo Ziliotto Ha vinto nel 2014 il premio come Artista Astratista nel concorso organizzato da IncontrArte & Blucobalto.

Ancora oggi appassionato per la pittura e fotografia con creazioni d'arte e foto.